Lo Staff dell’Hotel San Francisco è in grado di suggerirvi i migliori itinerari o accompagnarvi alla scoperta degli angoli più belli del Golfo di Orosei e del Supramonte di Dorgali.

Dalle visite alle famose cale raggiungibili soltanto via mare o con trekking anche di difficoltà elevata, come Cala Luna, Cala Mariolu, Cala Goloritzé, ai percorsi nell’entroterra ricchi di fascino come la Gola di Gorroppu e il villaggio nuragico di Tiscali, alle escursioni a cavallo e alle lezioni di equitazione lungo le numerose ippovie della catena del Supramonte, per offrirvi una vacanza all’insegna della natura e dello sport all’aria aperta.

L’approfondita conoscenza del territorio e le convenzioni stipulate con esperte guide ambientali ci consentono di pianificare percorsi su misura per scolaresche e gruppi di anziani.

OVILE PRANOS:

Bellissima e semplice escursione, l’ovile si trova sopra Cala Gonone, dove tra profumi e colori è possibile godere della bellissima vista di tutto il Golfo di Orosei, questa escursione è omaggio per i nostri ospiti che soggiornano da noi almeno 7notti. ESCURSIONE OMAGGIO

TISCALI:

E’ una piccolissima montagna alta poco più di 500 metri all’interno della Valle di Lanaitho. Qui si trovano i resti di un misterioso villaggio costruito in età Nuragica (XV/XIV – IX/VIII secolo a.C.) e abitato fino all’età Romana (II/I secolo a.C.). Milioni di anni fa, ancor prima che venisse abitato, per un assestamento della terra la volta è sprofondata dando vita ad un enorme e grande cratere. All’interno di quest’ultimo sono state costruite delle casette di forma circolare fatte con piccole pietre e ricoperte con tronchi di alberi. Il sito, misterioso e affascinante, era probabilmente usato come rifugio e proprio per la sua posizione, ancora oggi è quasi inaccessibile e impenetrabile per chi non conosce il sentiero. Per questo organizziamo escursioni e visite guidate alla scoperta dei resti di uno dei siti archeologici più suggestivi ed affascinanti della Sardegna e l’unico in tutta l’isola ad esser stato costruito all’interno di una grotta.

GORROPU:

E’ uno dei canyon più grandi d’Europa con pareti che raggiungono quasi i 500 metri d’altezza. Il fiume Flumineddu che da secoli scorre all’interno della gola e che, in occasione di piogge abbondanti si innalza impetuoso fino a riempire buona parte del canyon, ha trasformato le pietre arrotondandole, smussandole e modellandole fino a farle diventare vere e proprie sfere di calcare. Inoltre, questo posto selvaggio, incontaminato e naturale, incastonato all’interno del Supramonte, offre con le sue altissime pareti, ottimo rifugio per aquile e poiane. Il trekking a piedi per ammirare questo sito è uno dei più affascinanti che organizziamo. La maestosità della gola e delle pietre ciclopiche lascerà in voi il ricordo di bellissima avventura.

MONTE CORRASI E VALLE DI LANAITHO:

E’ una delle escursioni più suggestive che organizziamo per la ricchezza del programma. Si ammireranno prima le cime più alte del Supramonte raggiungendo in fuoristrada Scala Pradu a 1200m. Da qui si potrà ammirare un paesaggio che spazia per decine di chilometri e che ci permetterà di dominare dall’alto mezza Sardegna. Si visiterà poi Su Gologone che è la sorgente carsica più grande della Sardegna e si procederà per Lanaitho, una delle valli più belle ed interessanti per la presenza di numerosissimi siti archeologici e monumenti naturali. Tra questi uno dei più interessanti è “Sedda Sos Carros”, un villaggio nuragico dove è stata rinvenuta una fonte sacra con nove teste di ariete scolpite sulla pietra, unica nel suo genere in tutto il bacino del Mediterraneo.
Con una breve passeggiata si raggiunge poi la
grotta di “Sa Ohe”, dall’ interno della quale in occasioni di piogge abbondanti,
sgorga impetuoso un fiume sotterraneo preceduto da un rombo assordante, “la
voce” appunto, come se volesse avvisare gli abitanti della valle dell’imminente
inondazione. Da qui si raggiungono i
vicini ovili dei pastori che si affaccenderanno per preparare un ottimo pranzo a
base di salumi, formaggi, ricotta, arrosto di salsicce e porcetto, verdura,
frutta, acqua e caffè. Vino cannonau e “filu ferru” inebrieranno tutti nel
ricordo di una giornata unica ed indimenticabile.

SUPRAMONTE DI ORGOSOLO:

Il Supramonte di Orgosolo è una delle località più misteriose della Sardegna. In particolare raggiungere Monte Novo San Giovanni è una tappa d’obbligo per chi visita quelle zone. Infatti Monte Novo San Giovanni è un singolarissimo tacco in calcare che svetta solitario in mezzo alle montagne e dall’alto dei suoi 1316 metri ci permette di dominare tutto il Supramonte fino alle alte creste del Gennargentu. Proprio per la maestosità del territorio, il silenzio assordante e la densità dei boschi, questa è una delle oasi preferite da aquile, mufloni e cinghiali. Spesso capita di avvistare l’aquila in volo o mufloni e cinghiali che tranquillamente pascolano indisturbati. Perٍ per chi visita queste zone, un’altra tappa d’obbligo è il pranzo con i pastori. Raggiunta località “Su Vadu e S’Enis” i pastori nei loro “pinnettos” ci prepareranno un gustosissimo pranzo a base di prodotti locali come salumi, formaggi, pecora “in capotto”, porcetto arrosto, pane carasau, spianate, verdura, frutta, acqua, caffè e digestivo, il tutto accompagnato dal famoso vino rosso cannonau. Nel pomeriggio poi si rientra a Orgosolo per ammirare i bellissimi murales, i dipinti realizzati dagli orgosolesi nelle pareti esterne delle case per manifestare il proprio disappunto contro le imposizioni dello Stato Italiano.

Trekking da Scala Pradu a Punta Corrasi e a Sa Vadde de Sas Mandras.

Il trekking a Punta Corrasi è il massimo per chi ama camminare a piedi e godere del silenzio della montagna e la maestosità della natura. Punta Corrasi è la cima più alta del Supramonte e dall’alto dei suoi 1463 metri ci permette di dominare mezza Sardegna a partire dalle colline, pianure, valli e montagne circostanti fino al mare del golfo di Orosei e alle alte creste del Gennargentu.

Inoltre tutta la catena è una delle zone più interessanti dal punto di vista botanico – naturalistico. Oltre alla presenza di aquile e mufloni, è la località dove si trovano più piante endemiche, medicinali ed officinali del Supramonte.

Infine i colori dei fiori spontanei come gigli, peonie, campanule, ciclamini e orchidee incastonante nel bianco e grigio calcare, rendono il trekking al Corrasi uno dei trekking più affascinati della Sardegna.

Le escursioni ultima modifica: 2016-05-25T11:10:06+00:00 da Hotel San Francisco Cala Gonone